Menu
CUCINA / SVEZZAMENTO

Omogeneizzati fai da te: gli step da seguire

omogeneizzati fai da te

Fare gli omogeneizzati in casa da senza dubbio grandi soddisfazioni non solo perchè il piccolo mangia cose fatte dalla mamma (e già questo è un bel traguardo, perlomeno per me) ma anche perchè ci permette di controllare cosa effettivamente mangia il bambino. In molti casi infatti negli alimenti industriali si possono trovare ingredienti di dubbia qualità o zuccheri che abituano il piccolo a gusti che non hanno un effettivo riscontro in natura.

Non sempre però si ha tempo di fare gli omogeneizzati sul momento quindi è necessario non farsi cogliere impreparati e avere a disposizione una buona quantità di vasetti pronti per essere usati. Oltre al congelamento, che però non può essere usato con tutti gli omogenizzati (ad esempio quelli di frutta) si può usate il sottovuoto. Molti ricorderanno le mamme e le nonne che utilizzavano, e utilizzano questa tipologia di conservazione per conserve e marmellate. Ma quali sono gli step da seguire?

  1. Lavare accuratamente i vasetti e poi sterilizzarli (si può utilizzare lo sterilizzatore oppure farli bollire per una ventina di minuti)
  2. Versare al loro interno l’omogeneizzato ancora caldo e chiuderli con tappo ermetico a testa in giù. In questo modo i vasetti sono già in sottovuoto (verificate premendo al centro del coperchio, se non fa nessun rumore il sottovuoto è andato a buon fine!)
  3. Io per maggiore sicurezza li faccio anche pastorizzare ossia bollire per una ventina di minuti con l’acqua che supera il coperchio.

A questo punto non serve che lasciarli raffreddare e tenerli pronti all’occorrenza per sfamare il piccolo!

Se tutto è andato a buon fine, ossia se i vasetti sono in sottovuoto (verificarli uno ad uno per non incorrere in spiacevoli inconvenienti) possono durare fino a 6 mesi un anno. Una volt aperti, se non vengono finiti subito, bisogna conservarli in frigorifero per un massimo di 2/3 giorni.

 

About Author

Aspirante mamma green che cerca di rendere il suo passo più lieve con due bimbi, un marito, un cane e un adorato lavoro come insegnante!

No Comments

    Leave a Reply