Menu
BIMBI E MAMME

Morning routine: la mia routine del mattino

morning routine

Da qualche mese ho iniziato un mio percorso di crescita che vi avevo accennato quando ho parlato di mindfulness. Ne avevo bisogno dopo i primi due anni da mamma che, per me ma penso anche per molte altre persone, sono talmente totalizzanti da annullare, in maniera positiva ovviamente, l’essere donna.

Lavorando a tempo pieno, pur con la flessibilità del mio lavoro, durante la giornata sono costantemente di corsa e trovare un momento solo per me è pressochè impossibile anche perchè voglio essere presente per mio figlio e per la mia famiglia. ho pensato quindi che l’unico modo per dedicarmi del tempo fosse proprio la mattina, prima che la “vita” prenda il sopravvento.

Non sono l’unica a pensarla così, infatti ho avuto modo di leggere The Miracle Morning, di Hal Herold, coach statunitense che propone proprio una routine del mattino. Il libro è molto interessante anche se per me, devo ammettere, troppo “statunitense”, alcuni elementi però sono davvero importanti e ne ho tratto spunto per costruire la mia personalissima morning routine.

Perchè una morning routine?

Credo che il detto “il mattino ha l’oro in bocca” sia veritiero infatti è proprio dal mattino che comincia la giornata sia in positivo che in negativo. Sono sempre stata una persona lunatica, finchè ho creduto che esistessero le persone lunatiche. Ora penso che invece sia nelle nostre potenzialità trasformare una giornata in una “buona” giornata, perchè le cattive giornate semplicemente non esistono. E’ una delle poche cose che possiamo decidere, perchè non farlo al meglio?

Ho quindi selezionato le cose che mi fanno stare bene e le ho concentrate al mattino, con qualche aggiunta data dalla crescita esponenziale come persona che mi sono “imposta” nell’ultimo periodo.

La mia (personalissima) Morning Routine

alle 5.20 mi sveglio con la sveglia (ho abolito il cellulare dalla stanza da letto, mi aiuta a rilassarmi la sera e staccare completamente, considerato che è anche uno strumento di lavoro) che spengo subito, soprattutto quando mio figlio dorme con noi (succede, e come tutte le cose che non dipendono da me lo accetto perchè fa parte dei suoi bisogni);

mi alzo alle 5.25, amo aprire gli occhi e rimanere qualche minuto a pensare ai sogni che ho fatto e a quando bello sia svegliarsi riposati;

alle 5.30 sono in cucina a scaldare l’acqua da bere con limone e zenzero;

mentre sorseggio l’acqua compilo il mio diario della gratitudine (a cui dedicherò un post) per ricordarmi quanto sono fortunata e che bella giornata mi sta aspettando;

alle 5.40 pratico un po’ di meditazione. Può sembrare una cosa da film ma vi assicuro che non pensare a nulla per qualche minuto al giorno è rigenerante se, come me, avete la mente perennemente in movimento;

alle 5.45 comincio la mia mezz’ora di yoga o i 45 minuti di allenamento di corsa (due giorni a settimana);

alle 6.15 (quando pratico yoga) mi metto alla scrivania per vedere il planning della giornata ed in base agli impegni scrivo per il blog, leggo, o faccio qualcosa che mi piace, fosse anche solo guardare fuori dalla finestra il sole alto nel cielo;

alle 6.50 mi dedico alla preparazione della giornata con una doccia veloce, vestendomi e preparandomi per andare al lavoro;

alle 7.00 vado a svegliare i miei uomini e si comincia la giornata con la colazione tutti insieme;

alle 7.45 usciamo di casa il papà va al lavoro, io porto il piccolo al nido e poi vado in ufficio ascoltando il mio programma radiofonico preferito (Rock’n talk per la cronaca) e pregando di non essere imbottigliata nel traffico della tangenziale (questa è la parte che odio di più della giornata ma tant’è, quella è la strada che devo fare e non ho alternative).

 

Quest’ora da sola, il mattino, nel silenzio (in realtà c’è il cane che russa ma è un rumore che oramai non sento nemmeno più) sono il mio relax rigenerante che mi permette di affrontare la giornata al meglio.

Voi come cominciate la giornata? Me lo raccontate?

 

 

unsplash-logoJulia Caesar

About Author

Aspirante mamma green che cerca di rendere il suo passo più lieve con due bimbi, un marito, un cane e un adorato lavoro come insegnante!

24 Comments

  • Valentina
    Aprile 11, 2018 at 3:27 pm

    Bravissima…io mi alzo praticamente cinque minuti prima di uscire di casa! Devo migliorare^^

    Reply
  • Daniela
    Aprile 11, 2018 at 3:34 pm

    Sei davvero un portento! Io anche mi sveglio prima per poter fare tutte le mie cose prima che si alzi mio figlio, ma non così presto! Solo la colazione mi piace farla con una relativa calma!

    Reply
    • Martina
      Aprile 28, 2018 at 5:01 am

      Ciao Daniela, no no non sono un portento, però mi piace fare tutto con calma e non trovarmi alla sera che non ho dedicato nemmeno un momento a me! la colazione con calma è fondamentale anche per me!

      Reply
  • Serena
    Aprile 12, 2018 at 9:18 pm

    Io vado a mille tutto il giorno e mille cose faccio e 3 volte a settimana vado in palestra ma la mattina devo avere i ritmi lenti o mi prende la tachicardia. Mi interessa il diario della gratitudine credo che tutti dovremmo tenerne uno aspetterò il tuo post sull argomento

    Reply
  • IlmondodiChri
    Aprile 13, 2018 at 12:35 pm

    sei super brava!!!

    Reply
  • Romina
    Aprile 13, 2018 at 10:05 pm

    Io mi sveglio proprio male! Faccio così fatica ad alzarmi che maledico il giorno.
    Soffro e ci metto molto a svegliarmi davvero: nella prima mezz’ora della giornata non sono cosciente e sono anche di cattivo umore 😀 Allora mi sono data la regola che la prima parola che pronuncio sia positiva… di solito mi limito ad un “sí”

    Reply
  • khadi
    Aprile 15, 2018 at 3:18 pm

    Tutti i giorni mi alzo per pregare il fajr, la preghiera islamica dell’alba che si prega nel tempo che va dal primo albeggiare fino al sorgere. Il problema poi è rimanere sveglie e non tornare a dormire, dopo aver fatto solo 4-5 ore di sonno… E’ che la sera non riesco a dormire presto.
    Però devo dire che la primavera è molto ispirante e aiuta molto, l’alba non è troppo presto e, se dopo il sorgere si inizia a intravedere un po’ di sole è ancora più stimolante!
    Anch’io l’anno scorso ho letto il miracle morning e pure io ho avuto la sensazione che sia “troppo statunitense” e, aggiungo, pure un po’ subdolo, nonostante ci siano dentro ottimi consigli che hanno facilitato la mia morning routine della scorsa primavera.
    E quindi niente, questo tuo post mi ha ispirato un post di risposta e, se riesco a scriverlo e a postarlo, potrebbe sbloccare il lungo silenzio e rimettermi in pista. Vedremo : D
    Forte abbraccio cara, a presto!

    Reply
    • Martina
      Aprile 28, 2018 at 4:59 am

      Ciao Khadi che piacere le tue parole. Capisco, io se non dormo le ore sufficienti sono davvero intrattabile 🙂 Miracle Morning è troppo statunitense in alcuni tratti, forse davvero esagerato, però alcuni buoni spunti me li ha dati quindi ho trovato giusto citarlo come possibile punto di partenza. La primavera aiuta molto, anche se devo dire la verità, per me è molto più ispirante l’inverno con il buio e il freddo mattutino.
      Ti abbraccio!

      Reply
  • Lucy
    Aprile 17, 2018 at 8:05 am

    Senti, c’è un incantesimo per riuscire ad alzarsi presto come fai tu? Si può imparare? No davvero, come fai?!? 😀 E corri, pure!! Per me è proprio il momento della giornata in cui NON riesco a farlo! Complimenti 😀

    Reply
    • Martina
      Aprile 28, 2018 at 4:57 am

      Ciao Lucy, no nessun incantesimo 🙂 Una delle cose positive che ho trovato nel libro però diceva che per far diventare un gesto o un’attività parte della routine bastano 30 giorni, mentre per farlo diventare uno stile di vita ne bastano 90. Non so se sia la verità però ti assicuro che dopo 2 mesi non metto nemmeno la sveglia!

      Reply
  • Susanna Albini
    Aprile 17, 2018 at 8:55 am

    Complimenti, mi sembra di capire che inizi la giornata proprio col piede giusto 🙂
    Io, praticamente, rimbalzo dal letto con la suoneria della sveglia e da lì in poi è tutto un susseguirsi di “operazioni” automatiche fino all’uscita di casa per andare al lavoro. Non riesco a fermarmi a riflettere con calma, mi sa che dovrei seguire il tuo esempio e dedicare almeno qualche minuto alla meditazione. Buona giornata!

    Reply
    • Martina
      Aprile 28, 2018 at 4:55 am

      Ciao Susanna, anch’io ero un continuo rimbalzo di azioni automatiche ma mi sono resa conto che non ce la facevo più perchè poi arrivavo a sera carica di cose da fare e pensieri. Io ho sfruttato questo momento della giornata ma davvero bastano pochi minuti e l’approccio alla giornata cambia totalmente!

      Reply
  • Roberta
    Aprile 17, 2018 at 12:28 pm

    Io non riesco a svegliarmi troppo presto al mattino, ma devo dire che ho la fortuna di avere tutto il pomeriggio da dedicare a me stessa e alle cose che mi fanno stare meglio. Dovrei però metterci dentro anche io meditazio e yoga, che non ho mai fatto ma ultimamente ne sento la necessità.

    Reply
    • Martina
      Aprile 28, 2018 at 4:54 am

      Ciao Roberta, si avere dei momenti durante il giorno da sfruttare per se stessi è fondamentale, e per me ora lo è anche lo yoga quindi sono d’accordo con il tuo buon proposito!

      Reply
  • Agnese - I'll B right back
    Aprile 17, 2018 at 3:31 pm

    Cavoli, complimenti!! Ma davvero ce la fai, ogni mattina?? Ahah non voglio dubitare, è che ti ammiro tantissimo! Io non sono costante in questo, purtroppo. Mi sono resa conto di essere più produttiva di notte, quindi mi capita di andare a dormire anche alle 2 del mattino dopo aver lavorato (lavoro da casa), ela routing mattutina va a farsi benedire… però ci provo eh! Giuro! 🙂 Con acqua e limone vado alla grande, vorrei anche io iniziare un piccolo gratitude journal.
    Complimenti davvero 🙂

    Reply
    • Martina
      Aprile 28, 2018 at 4:53 am

      Ciao Agnese, grazie mille per i tuoi complimenti ma in realtà ho solo sfruttato il mio essere mattiniera. Se c’è una cosa che non sono mai, ma proprio mai, riuscita a fare è stato studiare o lavorare dopo cena. Tu sfrutti una tua potenzialità che io non riuscirei assolutamente a fare quindi ben venga trovare i propri punti di forza e sfruttarli al meglio!

      Reply
  • cakemania
    Aprile 17, 2018 at 5:18 pm

    Mi interessa sempre leggere delle routine degli altri. la tua mi ricorda quella di Raffaella del sito BabyGreen, che immagino tu conosca…
    La mia pace me la ritaglio per mezzora di lettura duernte la colazione quando gli altri sono usciti di casa. Io lavoro in pigiama fino all’ora di pranzo!

    Reply
    • Martina
      Aprile 28, 2018 at 4:51 am

      Ciao Cakemania, che invidia (buona) lavorare in pigiama fino all’ora di pranzo! Si conosco, ovviamente, il sito Babygreen ma a parte la sveglia all’alba (che credo sia comune a molte mamme!) le nostre routine sono molto diverse. Per me è davvero fondamentale l’attività fisica, non riuscirei a stare senza. Io più che alla preparazione della colazione, o alle faccende domestiche mi dedico a me stessa, faccio delle cose che mi fanno stare bene perchè il resto della giornata è molto frenetico!

      Reply
  • Diara
    Aprile 18, 2018 at 1:58 am

    Non mi sveglio così presto come te però ho anch’io i miei rituali mattutini. Il caposaldo è una piccola routine di yoga mentre si scalda l’acqua per i miei bicchieroni di acqua tiepida con limone e un pizzico di sale. Mentre li bevo leggo oppure guardo qualche video motivazionale.
    Ultimamente ho anche ripreso a meditare.
    In passato ci sono stati anche l’oil pulling e le pagine del mattino.
    In un mondo ideale farei proprio tutto alla Miracle Morning ma ho imparato ad accettare le miei imperfezioni 🙂

    Reply
    • Martina
      Aprile 28, 2018 at 4:48 am

      Ciao Diara, che piacere le tue parole. Bisogna accettare le proprie imperfezioni, è proprio questo il segreto per tracciare un percorso costruttivo!

      Reply
  • Federica
    Aprile 18, 2018 at 3:00 pm

    Complimenti! Sia per la tta routine che sei riuscita a creare, sia per come l’hai esposta. Mi hai fatto venire voglia di provare. Chissà se con due figli, marito, casa, lavoro full-time e blog, riesco ad inserirci anche questo.
    Tu sei stata brava. Di ispirazione. Grazie

    Reply
    • Martina
      Aprile 28, 2018 at 4:45 am

      Ciao Federica, ti ringrazio davvero per le tue parole. Anche per me i primi giorni non sono stati semplici però dopo un po’ diventa abitudine e adesso non devo nemmeno mettere la sveglia. Se può consolarti anch’io ho marito, figlio, cane, blog e lavoro full-time…mi aiuta il fatto che di figlio ne ho solo uno per ora!

      Reply
  • Silvia Fanio
    Gennaio 15, 2019 at 7:07 am

    Mi piacerebbe avere una morning routine, ma da quando suona la sveglia a quando vado a letto corro così tanto che non credo riuscirei ad alzarmi prima. Potrei schiattare… Ma studierò un modo

    Reply
    • Martina
      Febbraio 22, 2019 at 2:55 pm

      Ciao Silvia, immagino, purtroppo trovare il tempo non è mai facile ma poco alla volta partendo da qualche minuto si arriva a trovarne abbastanza per prendere tutto con più calma!

      Reply

Leave a Reply