Menu
BIMBI GREEN / GIOCO

Il Cestino dei Tesori

Ieri, nel messaggio riassuntivo del nido (nel nido che abbiamo scelto hanno introdotto questa modalità di comunicazione, una chat con tutti i genitori nella quale ogni giorno vengono descritte le varie attività e i pasti), come attività per il mio bimbo è stato proposto il cestino dei tesori. Lì per lì la mia prima reazione è stata di stupore, poi di felicità. Nonostante non sia un nido montessoriano il pallino del metodo mi è sempre rimasto e a casa tento di proporre alcune delle attività, sebbene non possa definirmi montessoriana al 100%. Quindi il cestino dei tesori è stata una piacevole sorpresa.

Il cestino dei tesori è una delle prime attività strutturate che si può proporre al bambino. In realtà, come prevede il metodo, è il bambino ad imparare facendo, gli stimoli vengono proposti e lui li sfrutta. Per questo è importante proporgli attività che siano alla sua portata ma, soprattutto, che lo portino ad agire sullo spazio, con oggetti che lo stimolino. In realtà, storicamente, il cestino non è un’invenzione di Maria Montessori che invece lo riprese da Elinor Goldschimied. Ciò non toglie che tale attività rientri appieno nel metodo e rappresenti per il piccolo una vera e propria attrazione attiva.

Cestino dei tesori – Caratteristiche

Può essere proposto indicativamente dai 6 mesi, o da quando il bimbo comincia a stare seduto da solo e riesce a manipolare oggetti in maniera semplice, quindi afferrandolo, “assaggiandoli”, esplorandoli con i vari sensi;
Si realizza con oggetti di uso comune, ovviamente non pericolosi visto che devono essere maneggiati dal piccolo;
E’ un ottima alternativa ai giochi che abitualmente si trovano per quell’età;
Può essere realizzato a casa e non è costoso.

Cestino dei tesori – Alcune idee

Per realizzare un cestino dei tesori per prima cosa bisogna avere a disposizione il cestino. E’ importante sia un vero e proprio cestino, uno di quelli di vimini andrà benissimo o in alternativa uno di materiale naturale senza manici e abbastanza resistente. Dopodiché si potranno andare ad inserire gli oggetti, che rappresentano la vera e propria scoperta per il piccolo. Qui di seguito vi elenco alcune idee che ho trovato interessanti e stimolanti, in alternativa potete consultare la mia board su Pinterest dedicata proprio ai cestini.

Oggetti di casa

spazzola (se di legno meglio, l’importante è che non abbia le setole troppo sottili e dure)
sassi grandi (attenzione che non siano a misura di bocca)
frutti (se scegliete gli agrumi fate attenzione che la buccia sia edibile)
noci
spazzolino da denti
presina
oggetti in legno (no appuntiti e non trattati)
cucchiai

Oggetti di legno

anelli di legno (ad esempio quelli delle tende)
uovo per cucito
cucchiai di legno
mestoli sempre di legno
altri oggetti che avete in casa realizzati interamente in legno

Carta e cartone

block notes
ritagli di uno scatolone
rotoli terminati della carta igienica
scatoline di cartoncino
carta da regalo

 

In realtà, e questo è il bello del cestino dei tesori, è che si possono trovare infinite combinazioni di oggetti realizzando praticamente un gioco sempre nuovo per il nostro bimbo a costo (quasi) zero!
Vi assicuro, oltre alla mia esperienza personale, che questa è alla lunga l’attività che tiene impegnati per più tempo i bimbi di quell’età, perchè fornisce tutti gli stimoli di cui hanno bisogno lasciando il genitore, o l’educatore, ad essere spettatore del meraviglioso spettacolo di un bimbo che impara a conoscere il mondo.

 

Fonti

Valente D., Come liberare il potenziale del vostro bambino, Montessori4you – lo trovate su Amazon.it (è praticamente la bibbia per genitori che vogliono applicare il metodo montessoriano a casa, con attività pratiche e semplici adatte a tutti)

Sempre di Daniela Valente trovate una descrizione accurata del Cestino dei Tesori sul suo sito Montessori4you.it.

 

About Author

Aspirante mamma green che cerca di rendere il suo passo più lieve con due bimbi, un marito, un cane e un adorato lavoro come insegnante!

8 Comments

  • Valentina
    Marzo 20, 2018 at 1:54 pm

    Che belle idee!!

    Reply
    • Martina
      Marzo 22, 2018 at 2:23 pm

      Grazie mille Valentina!

      Reply
  • Daniela Vietri
    Marzo 21, 2018 at 11:40 am

    Questo lo conosco! Mio figlio ha frequentato un nido e poi la materna montessoriana!

    Reply
    • Martina
      Marzo 22, 2018 at 2:23 pm

      Che bella scelta Daniela!

      Reply
  • Lisa
    Marzo 21, 2018 at 12:07 pm

    mio figlio ci ha sempre giocato alla materna e al nido!

    Reply
    • Martina
      Marzo 22, 2018 at 2:23 pm

      Ciao Lisa, allora avevi scelto delle ottime scuole!

      Reply
  • IlmondodiChri
    Marzo 26, 2018 at 12:17 pm

    noi lo facevamo sempre quando Asia era piccola

    Reply
  • Serena
    Marzo 27, 2018 at 10:54 pm

    belle idee, grazie di averle condivise

    Reply

Leave a Reply