Da quando è nato il mio bimbo ho accentuato questa mia propensione ad utilizzare il vetro per tutte le preparazioni alimentari, non solo quelle destinate a lui. Per farlo, oltre ad avere una serie di contenitori in vetro già da prima per conservare i cibi, conservo anche tutti i barattoli di vetro che acquistiamo. Quelli usati non possono essere utilizzati per il sottovuoto e non sono belli come quelli con la chiusura ermetica ma sono utili, e con qualche accorgimento possono diventare anche carini. In definitiva ho la casa piena di vetro!

I vantaggi del vetro a livello ecologico sono evidenti, ma ci sono dei vantaggi che li rendono i contenitori ideali per la conservazione dei cibi. Visto che le informazioni a riguardo non mancano ho deciso di elencare qui di seguito i principali motivi perchè scelgo il vetro il più possibile.

I vantaggi del vetro in cucina e per l’ambiente

  • è composto al 100% di elementi naturali (sabbia, soda e calcare), questo fa si che l’impatto per la sua produzione sia più basso rispetto ad altri materiali;
  • resiste al calore e al freddo, con alcuni accorgimenti i vasetti possono durare anni;
  • non assorbe odori, colori e sapori del cibo, rappresentando di fatto il materiale ideale per entrare a contatto con i cibi;
  • non rilascia sostanze tossiche nel suo contenuto (plastiche, chimiche, etc);
  • può essere riutilizzato all’infinito e sterilizzato ad ogni uso;
  • è 100% riciclabile anche da rotto, basta metterlo nel bidone apposito;
  • si lava facilmente con le altre stoviglie in lavastoviglie o a mano;
  • nel caso di vasetti ermetici è bello e decorativo;
  • permette di vedere sempre cosa c’è al suo interno, perfetto per gli omogeneizzati dei bambini;
  • essendo riutilizzabile riduce la spesa per contenitori usa e getta;
  • aiuta  a tenere in ordine la cucina, classificando gli ingredienti a vista.